Italiano English

REGOLAMENTO

Sessioni di gara e Regolamenti delle discipline

1^ frazione "Skyroll"
La PARTENZA della gara sara' dalla Piazza di Predazzo.
Il primo componenete della squadra raggiungera' l' arrivo della prima frazione in coincidenza della stazione intermedia degli impianti del Cermis "DOSS DEI LARESI", percorrendo la ciclabile lungo l' Avisio.

Regolamento sessione gara: Ski Roll:
1. La gara si svolge in prevalenza su pista ciclabile con fondo asfaltato.
2. La gara e' aperta a tutti gli atleti di ambo i sessi di eta' superiore ai 18 anni in regola con il tesseramento per l' anno in corso della Federazione Italiana Sport Invernali.
3. L'uso del caschetto rigido omologato e' obbligatorio.
4. Almeno 15 gg. prima della gara il percorso sara' visibile e verra' segnalato con frecce e riferimenti chilometrici.
5. La zona di cambio sara' segnata con n. 2 linee distanti tra loro 15 metri. Il cambio viene effettuato dal concorrente in arrivo, con il tocco della mano su qualsiasi parte del corpo del concorrente successivo ed il passaggio del "CHIP" mentre entrambi i concorrenti sono nella zona cambio.
6. La gara avra' la formula con partenza di massa.
7. La tecnica e' libera e si possono utilizzare solo ski roll (sono vietati i pattini a rotelle).
8. Alla partenza ci sara' la consegna del vestiario da parte dei concorrenti, che verra' portato a cura dell' organizzazione, all' arrivo della frazione di ski roll.



2^ frazione "Vertical Running"
PRIMO CAMBIO: il concorrente Skyroll dara' il cambio al Runner che dovra' raggiungere il rifugio Paion lungo la pista di sci.

Regolamento sessione gara: Vertical Running
1. La gara avra' inizio, con partenza a cronometro alla consegna del testimone da parte del concorrente della propria squadra della frazione di Skiroll. Il percorso presenta le seguenti caratteristiche: dislivello mt. 950 e lunghezza mt. 3500.
2. La partenza dovra' avvenire nell' apposito punto di cambio che sara' recintato e segnalato.
3. Il tracciato sara' adeguatamente segnalato e seguira' la pista denominata Olimpia 2 e Olimpia 1.
4. Il Comitato Organizzatore comunichera' alla vigilia della gara il tempo massimo di percorrenza. Si riserva, inoltre, il diritto di modificare gli orari ed il percorso nel caso di variate condizioni atmosferiche - o di circostanze eccezionali - intervenute anche durante lo svolgimento della prova. L' organizzazione si riserva di obbligare i partecipanti ad indossare scarpe da trail in caso di maltempo.
5. In ogni fase della gara i concorrenti dovranno muoversi in maniera autonoma ed autosufficiente, senza aiuto ed assistenza esterna, in caso di incidenti i concorrenti sono tenuti a portarsi reciproco aiuto. Ammesso l'uso di bastoncini.
6. L' arrivo della singola frazione avverra' alla consegna del testimone nella zona riservata ai decolli dei parapendio.
7. Sara' predisposto il trasporto di eventuali indumenti in proprio zaino da loc. Doss dei Laresi fino all'arrivo della frazione skialp/decollo parapendio in loc. Paion del Cermis.
8. Il Comitato Organizzatore si riserva di apportare al presente "Regolamento" le modifiche necessarie per la miglior riuscita della manifestazione, dandone tempestiva comunicazione.
9. Alla gara potranno partecipare solamente atleti con tesseramento F.I.D.A.L. in corso di validita' alla data della gara.



3^ frazione "Parapendio"
SECONDO CAMBIO: il concorrente Runner dara' il cambio al Pilota di Parapendio che raggiungera' Lago di Tesero passando prima per una "boa" per poi atterrare all' interno dello Stadio del Fondo.

Regolamento sessione gara: Parapendio
1. La gara e' aperta a tutti i piloti in regola con le vigenti norme in materia di volo libero.
2. Gli atleti partiranno in maniera autonoma dall'area circoscritta per il decollo e sotto la supervisione del referente di questa disciplina, il quale potra' in qualsiasi momento interrompere i decolli in caso ritenga che le condizioni di sicurezza vengano meno.
3. Il parapendio effettuera' una speed-race a vista, cosi' da garantire la visibilita' dell' evento dall'atterraggio nello stadio del centro del fondo; il percorso implichera' una boa posizionata in maniera tale da non dover guadagnar quota per poter poi comunque arrivare in atterraggio. Si precisa che sono vietate manovre di discesa rapida (spirale), ad eccezione di orecchie e orecchie con speed. Nel caso in cui vengano eseguite, verra' attribuito al pilota il tempo massimo forfetario previsto per detta frazione.
4. Verra' assegnato dal direttore di gara un tempo massimo forfetario per quegli atleti che per qualsiasi ragione non siano in grado di completare il percorso, o che superino tale termine.
5. Sono accettate le categorie di parapendio monoposto En-A, B, C, esclusivamente omologate.
6. Per il volo libero e' obbligatorio essere muniti di casco ed emergenza, mentre imbraghi e vele devono essere omologati. I piloti devono essere in regola con l'attestato di volo e provvisti di assicurazione in corso di validita'.
7. Per ragioni di sicurezza ogni pilota deve portare con se' una radio LPD sintonizzata su un canale da definire ed un telefono cellulare carico e funzionante. L'eventuale annullamento della prova sara' comunicato via radio dal referente della disciplina.
8. In caso di annullamento durante lo svolgimento della frazione di parapendio, tutti i tempi dei piloti che hanno gia' effettuato la prova verranno annullati, creando cosi' una classifica finale che non terra' conto della frazione del parapendio.
9. I partecipanti all'evento hanno l'obbligo di tenere comportamenti in linea con la corretta morale della "Fiemme Heroes Race" e nel massimo rispetto per gli altri partecipanti, l'ambiente, le attrezzature, le strutture ospitanti, e di rispettare le vigenti normative della propria disciplina.



4^ frazione "Mountain bike"
TERZO CAMBIO: il Pilota di Parapendio dara' il cambio al Ciclista che effettuera' un percorso sulla catena del Lagorai per arrivare nei pressi dell' Hotel Nele ove, durante il tempo necessario allo svolgimento di detta frazione, tutti gli altri atleti di ciascuna squadra dovranno radunarsi.

Regolamento sessione gara: Mountain Bike
1. Gara aperta a tutti i ciclisti di ambo i sessi di eta' superiore ai 18 anni in regola con il tesseramento per l' anno in corso della Federazione Ciclistica Italiana e/o di un altro ente di promozione sportiva riconosciuta dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano in possesso della relativa tessera. I cicloamatori privi di tale tessera possono acquistare una tessera giornaliera FCI al momento dell' iscrizione presentando il certificato medico-sportivo di idoneta' dell' attivita' sportiva agonistica di ciclismo valido per la data della gara.
2. L'uso del caschetto rigido omologato e' obbligatorio prima-durante e dopo la gara.
3. Si fa appello al senso civico dei partecipanti al fine di non gettare le immondizie lungo il percorso gara, alla partenza o all' arrivo. Tutti i concorrenti colti a gettare i propri rifiuti sul percorso saranno sanzionati.
4. La gara si svolgera' totalmente su territorio boschivo.Il comitato organizzatore si riserva in situazioni straordinarie di modificare il percorso.
5. I concorrenti accettano di partecipare alla gara a proprio rischio e responsabilita'. Il comitato organizzatore respinge ogni responsabilita' per incidenti, furti, infortuni e danni di ogni genere capitati ai partecipanti e a terzi prima, durante e dopo la manifestazione.
6. Sono possibili controlli anti-doping.



5^ frazione "Rafting"
QUARTO CAMBIO: tutti gli atleti componenti della squadra dovranno salire sul gommone per effettuare un percorso di Rafting lungo l'Avisio ed arrivare nuovamente a Lago di Tesero dove, all' interno dello stadio, l' intera squadra dovra' tagliare il traguardo.

Regolamento sessione gara: Rafting
Le dimensioni RAF:
1. "Rientrano nella categoria RAF le imbarcazioni pneumatiche anulari, simmetriche o asimmetriche, aventi un rapporto lunghezza/larghezza non superiore a 2,300/2,350 realizzato con una tolleranza di piu' o meno 5 (cinque) sulle due dimensioni.
2. Non e' consentita l'installazione di sistemi (tiranti, distanziatori o altro che modifichino le dimensioni strutturali del natante.
3. La conformazione del fondo deve permettere il galleggiamento del RAF in orizzontale rispetto al suo asse longitudinale.
4. Per la dimensione del rapporto fa fede la dichiarazione del costruttore, fatte salve le verifiche sul campo i cui risultati prevarranno sulle dichiarazioni citate".



Scarica il Regolamento Fiemme Heroes Race 2017


Sponsor sostenitori

Un grande ringraziamento va ai nostri amici sponsor che ci sostengono in questa nuova avventura.